Rs Musica per Autoambulanze (Giacomo Toni)

 

ROMAGNANOI – 28/12/13 – Intervista

«Pregiudizialmente la gente crede che i cantautori siano una noia mortale. E non hanno tutti i torti. Non male come incipit all’intervista. Ancor più se a declamarlo è un cantautore»

Emiliano Pistillo - LOUDVISION - 06/08/2013 - Intervista

«Noi abbiamo riferimenti musicali che senz'altro non sono di massa sotto certi aspetti e noi siamo riusciti secondo me, in qualche punto, a metterli alla portata di tutti perché in Italia alla portata di tutti significa dare un messaggio comprensibile e chiaro: l'italiano nel testo aiuta in quel senso»

Vittorio Lannutti - ROCKON - 19/06/2013 - Recensione

«L’approccio musicale di Giacomo Toni è di un cantautorato a tutto tondo, con una base jazzata, per certi versi assimilabile al primo Vinicio Capossela, per intenderci quello più avvolto su sé stesso, o al Paolo Conte della fine degli anni ’80»

Cercavo qualcosa che mi potesse dare la possibilità di agire in completa libertà di scrittura, libertà di contraddizione, libertà di essere cattivo o dolciastro o insensato o matematico - See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/2732-Paper_Street_intervista_Giacomo_Toni.html#sthash.X8LfnDxI.dpuf
Cercavo qualcosa che mi potesse dare la possibilità di agire in completa libertà di scrittura, libertà di contraddizione, libertà di essere cattivo o dolciastro o insensato o matematico - See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/2732-Paper_Street_intervista_Giacomo_Toni.html#sthash.X8LfnDxI.dpuf
Cercavo qualcosa che mi potesse dare la possibilità di agire in completa libertà di scrittura, libertà di contraddizione, libertà di essere cattivo o dolciastro o insensato o matematico - See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/2732-Paper_Street_intervista_Giacomo_Toni.html#sthash.X8LfnDxI.dpuf
Cercavo qualcosa che mi potesse dare la possibilità di agire in completa libertà di scrittura, libertà di contraddizione, libertà di essere cattivo o dolciastro o insensato o matematico - See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/2732-Paper_Street_intervista_Giacomo_Toni.html#sthash.X8LfnDxI.dpuf
Cercavo qualcosa che mi potesse dare la possibilità di agire in completa libertà di scrittura, libertà di contraddizione, libertà di essere cattivo o dolciastro o insensato o matematico - See more at: http://www.paperstreet.it/cs/leggi/2732-Paper_Street_intervista_Giacomo_Toni.html#sthash.X8LfnDxI.dpuf

Pasquale Rinaldis - FATTO QUOTIDIANO - 30/05/2013 - Intervista

«Quello che tento di fare con le note e le parole è compiere il mio mestiere con un certo pudore, cercando di non finire nell’insieme degli artisti del mio tempo che rappresentano la decadenza della lingua e della musica»

IMPATTO SONORO - 30/05/2013 - Recensione

«La sirena forse era rotta e il suono aveva una metrica dispari, riconducibile a una struttura che alternava il 4\4 al 5\4. Da qui l’idea di creare un personaggio che seguisse l’episodio musicale, tra la presenza e l’assenza. Così, mettere una vecchia tra la vita e la morte dentro a un’ambulanza guidata da quattro squilibrati mi è sembrata una soluzione piacevolmente truce»

Doriana Tozzi - ITHINKMAGAZINE - 20/05/2013 - Intervista

«Sono cresciuto in Romagna, propongo la musica che ho tentato di studiare, una tangente che passa per lo swing, la musica classica, la canzone d'autore, il rock e il punk, con lo sguardo verso la sperimentazione dei linguaggi»

Toru Watanabe - OSSERVATORI ESTERNI – 10/05/13 – Recensione

«Roba da mandare in loop il cervello, in ogni modo è una meraviglia. [...]  il disco è bello, e te che leggi e pensi il contrario sei un palloso e non ci capisci»

Antonello Consalvo - OUTSIDERS MUSICA - 05/05/2013 Live report

«Una  tastiera da far vibrare e un bicchiere di rum per scaldare l’atmosfera. Aria da attore americano consumato da fumo e alcool. Sorriso beffardo di chi è sul punto di esplodere e una buona dose di protagonismo e teatralità sono gli ingredienti della sua performance»

Max Sannella - SHIVER WEBZINE 02/05/2013 - Recensione

«Tutte le tracce si susseguono senza un passo falso, scorrono, sgambettano e riflettono per riempire un’immaginazione schietta e folle, una partitura vitale e contemporanea così intimamente legata alla voglia e l’urgenza espressiva delle cose di livello, di gamma»

DAFENPROJECT - 23/04/2013 - Intervista

«la mia avventura musicale nasce soprattutto da una tecnica musicale (acquisita da bambino) mescolata alla curiosità per le storie delle vite degli uomini, sulla base di una predisposizione all’indebitamento variopinta di una buona dose di non aver voglia di lavorare»

Cecilia Cicolella - DANCE LIKE SHAQUILLE O'NEAL - 23/04/2013 - Recensione

Un progetto cantautorale in cui gli arrangiamenti godono di un sano protagonismo capace di esaltarne doti narrative. - See more at: http://www.dlso.it/site/2013/04/23/giacomo-toni-musica-per-autoambulanze/#sthash.JNsn6h07.dpuf
Un progetto cantautorale in cui gli arrangiamenti godono di un sano protagonismo capace di esaltarne doti narrative. - See more at: http://www.dlso.it/site/2013/04/23/giacomo-toni-musica-per-autoambulanze/#sthash.JNsn6h07.dpuf

«Un progeto cantautoriale in cui gli arrangiamenti godono di un sano protagonismo capace di esaltarne le doti narrative»

IMPATTO SONORO - 23/04/2013 - Recensione

«Fatto di fiammate ironiche, ballate romantiche e sferzate di cinismo, come se fosse un elogio della contraddizione, l’ultimo lavoro in studio di Giacomo mischia le carte in tavola e alterna sonorità schizofreniche e indiscrete a momenti d’intensità delicata, in un’altalena di umori musicali che allenano l’orecchio e confondono il resto»

Sara Scheggia - ROCKIT - 23/04/2013 - Recensione

«Musica leggera, cantautorato sghembo, jazz. Con qualche verso in rima, immagini suggestive e strampalate, semanticamente annunciate anche dalla “Musica per autoambulanze” del titolo: urgenza comunicativa, autocritica o semplice ironia? L'ambiguità resta»

Roberta Camilli - OUTSIDERS MUSICA - 20/04/2013 Recensione

«Musica per Autoambulanze è così, uno spaccato di vita. Un racconto pazzo e intelligente della quotidianità e dei rapporti umani. Il suo è un occhio attento sul mondo e sulle sue brutture»

Emanuela Bonetti - OCANERA ROCK - 08/04/2013 - Recensione

 «Ascoltare Giacomo Toni con il collettivo della ’900 band è come partecipare ad un’esperienza dal sapore retro’ [...] uno dei pochi cantautori d’oggi che riesce ad essere originale senza tradire una certa scuola musicale di stampo tradizionale, che porta l’ascoltatore ad immergersi realmente in altre epoche»

Giuseppe Righini -NERDS ATTACK 02/04/2013 - Recensione

«vi piacciono le giacche a un bottone, le cravatte col nodo lento, le macchie di vino sulla camicia e gli anelli d’oro bianco con le pietre verdi nel mignolo della mano destra? Allora fermatevi qui. Perchè non c’è di meglio oggi, vestito così, in tutto lo stivale»

Ilaria Virgili - DISCORSIVO - 21/03/2013 - Recensione

 «Giacomo Toni è anche un autore di testi molto interessante. E con l’uso dell’aggettivo interessante intendo affermare che stimola l’attenzione, l’ascolto approfondito. Insinua dubbi su certe perifrasi. Alimenta il gusto per le rime e il sorriso sulle situazioni surreali cantate. Racconta storie e stati d’animo comuni con parole per nulla scontate»

Leonardo Follieri - PAPERSTREET - Intervista

«Cercavo qualcosa che mi potesse dare la possibilità di agire in completa libertà di scrittura, libertà di contraddizione, libertà di essere cattivo o dolciastro o insensato o matematico»

Franz Bungaro - STORIA DELLA MUSICA - Recensione 

la proposta di Giacomo Toni convince subito perché si avverte naturalmente una genuina freschezza nel suo essere artista ed una maturità nell’approccio stilistico che sapranno accontentare tanto gli intenditori e appassionati del genere (e nello specifico, degli artisti citati all’inizio) quanto i liberi e financo casuali fruitori della buona musica
la proposta di Giacomo Toni convince subito perché si avverte naturalmente una genuina freschezza nel suo essere artista ed una maturità nell’approccio stilistico che sapranno accontentare tanto gli intenditori e appassionati del genere (e nello specifico, degli artisti citati all’inizio) quanto i liberi e financo casuali fruitori della buona musica
la proposta di Giacomo Toni convince subito perché si avverte naturalmente una genuina freschezza nel suo essere artista ed una maturità nell’approccio stilistico che sapranno accontentare tanto gli intenditori e appassionati del genere (e nello specifico, degli artisti citati all’inizio) quanto i liberi e financo casuali fruitori della buona musica

 «la proposta di Giacomo Toni convince subito perché si avverte naturalmente una genuina freschezza nel suo essere artista ed una maturità nell’approccio stilistico che sapranno accontentare tanto gli intenditori e appassionati del genere (e nello specifico, degli artisti citati all’inizio) quanto i liberi e financo casuali fruitori della buona musica»

convince subito perché si avverte naturalmente una genuina freschezza nel suo essere artista ed una maturità nell’approccio stilistico che sapranno accontentare tanto gli intenditori e appassionati del genere (e nello specifico, degli artisti citati all’inizio) quanto i liberi e financo casuali fruitori della buona musica
la proposta di Giacomo Toni convince subito perché si avverte naturalmente una genuina freschezza nel suo essere artista ed una maturità nell’approccio stilistico che sapranno accontentare tanto gli intenditori e appassionati del genere (e nello specifico, degli artisti citati all’inizio) quanto i liberi e financo casuali fruitori della buona musica
la proposta di Giacomo Toni convince subito perché si avverte naturalmente una genuina freschezza nel suo essere artista ed una maturità nell’approccio stilistico che sapranno accontentare tanto gli intenditori e appassionati del genere (e nello specifico, degli artisti citati all’inizio) quanto i liberi e financo casuali fruitori della buona musica
la proposta di Giacomo Toni convince subito perché si avverte naturalmente una genuina freschezza nel suo essere artista ed una maturità nell’approccio stilistico che sapranno accontentare tanto gli intenditori e appassionati del genere (e nello specifico, degli artisti citati all’inizio) quanto i liberi e financo casuali fruitori della buona musica

MUSICZOOM - Recensione

«Il Bevitore Longevo è l’antidoto alla paura della morte, un paradossale inno alla vita, il consiglio di non prendersi mai troppo sul serio»

Ida Stamile - EXTRA MUSIC MAGAZINE - Recensione

«Musica per Autoambulanze di Giacomo Toni assieme alla 900 Band è una sorte di foto in bianco e nero, un dondolo musicale cavalcato da anime diverse, una vecchia giostra sonora dal temperamento lontano»